whatsapp Centri Odontoiatrici Specialistici

Scanner dentale

scanner dentale intraorale

Parcheggio gratuito

Presso il parcheggio sottostante Piazza Europa

Parcheggio grauito

entrando dal lato della Eurospar

I nostri servizi

Gnatologia e posturologia
La Gnatologia studia le funzioni della bocca (masticazione, deglutizione, fonatoria, posturale) veri...
Chirurgia orale
La piccola chirurgia spesso permette di ripristinare la salute del cavo orale, non solo mediante est...
Protesi mobile
La Protesi mobile totale chiamata comunemente "dentiera" è costituita da una base in resina (di soli...

In Italia ci sono oltre 15 mila dentisti abusivi

Il fenomeno dei falsi dentisti, in costante e continua evoluzione, persiste grazie a ignobili medici che fanno da prestanome.
Sono 15 mila i falsi dentisti che operano in Italia. Sono finti professionisti senza titolo o con un diploma falso. E il fenomeno e' in continua evoluzione e persiste grazie a medici che fanno da prestanome. A ricordarlo e' il presidente dell'Associazione nazionale dentisti italiani (Andi), Gianfranco Prada, che mette in guardia i cittadini: "Il paziente deve accertare l'identità di chi lo cura. Noi abbiamo attivato un numero verde - 800 911 202 - attraverso il quale l'Andi verifica se il dentista e' laureato e iscritto all'ordine".

Per combattere efficacemente il fenomeno dell'illegalità diffusa in odontoiatria - e' stato ribadito questa mattina a Roma nel corso dell'incontro 'Sostenere la salute degli italiani - Odontoiatria e Politica insieme per un modello di assistenza organizzato ed efficace', organizzato dall'Andi - gli specialisti richiedono al Governo l'organizzazione di una Conferenza nazionale sull'odontoiatria, quale sede in cui tutti gli attori e i soggetti, ma anche i vari interlocutori istituzionali, possano definire le linee direttrici che potrebbero anche portare a un provvedimento sull'odontoiatria.

In particolare, per il contrasto all'abusivismo e prestanomismo si ritengono indispensabili interventi mirati in termini di prevenzione e soprattutto di repressione, con la confisca di beni e attrezzature, la determinazione dei ruoli dei direttori sanitari e la chiara definizione delle apparecchiature acquistabili dagli operatori.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione